E-mail to:

          catullo: amore e poesia                     index english       virtual tour

 


VISITA A SIRMIONE

A conclusione di questo lavoro che ci ha tenuti occupati per gran parte dell’anno, abbiamo pensato di andare a Sirmione, sul Lago di Garda, per visitare quelle che vengono chiamate "Le grotte di Catullo", ovvero i resti della villa romana il cui possesso viene attribuito alla famiglia del poeta latino. Abbiamo, però, appreso che, in realtà, questa attribuzione è molto discutibile, anche se si sa con certezza che la ricca famiglia di Catullo aveva una dimora in questo luogo, cantato dal poeta in uno dei suoi carmi (31).

I resti della villa sono molto scarsi rispetto a quella che doveva essere l’immensa struttura complessiva. Sono ancora visibili le "botteghe", stanze così chiamate per la struttura a botte delle loro volte, e che, comunque, non assolvevano funzioni commerciali. Il grande giardino, sopraelevato rispetto alla casa, era accompagnato da un doppio criptoportico.

Oltre a questo, sono ancora distinguibili l’impluvium, che raccoglieva l’acqua piovana per le tre piscine, le camere da letto, il corridoio coperto degli appartamenti, il velarium, spazio per gli ospiti che poteva essere ombreggiato da un velo, e i bellissimi pavimenti a mosaico che si possono ammirare all’interno del museo.

plastico.jpg (18382 byte)
Sirmione, Grotte di Catullo. Museo.
Plastico dei resti della villa.

 

Manuela Marai