Federico

 

 

 

 

 

E-mail to:


 

 

 

 

 

federico

 

 

 

 

piero della francesca

 

 

 

piero della francesca

 

ICONOGRAFIA FEDERICIANA:

I DIPINTI DI PIERO DELLA FRANCESCA

 

 

Piero della Francesca, Ritratto di Federico da Montefeltro; c. 1465; olio su tavola; cm 47x33. Firenze, Galleria degli Uffizi.

 

In questo ritratto il duca e' raffigurato di profilo, nella posa medaglistica cara alle corti quattrocentesche. Forse c'e' anche una ragione particolare: Federico aveva perso l'occhio destro in un incidente di torneo ed era rimasto sfigurato in un lato del viso e nel naso. Il profilo e' circoscritto dalla linea e il volume e' reso mediante toni coloristici. Il rosso del copricapo e della veste danno risalto al colore grigiastro del volto. Piero non trascura alcun elemento reale (egli infatti non abbellisce il ritratto), anzi i dettagli tratti dal vero sono resi con insistenza: le rughe, i nei, i capelli, il collo possente e lo sfondo, un profondo paesaggio molto dettagliato, secondo il gusto fiammingo.

 

 

 

Piero della Francesca, Trionfo di Federico da Montefeltro; c. 1465; tavola; cm 47x33. Firenze, Galleria degli Uffizi.

 

Federico da Montefeltro e' raffigurato su un carro trainato da cavalli bianchi. Sulla parte anteriore sono sedute le virtu' cardinali (Forza, Giustizia, Temperanza e Prudenza), mentre il duca, seduto sul retro, e' incoronato dalla Vittoria alata. In questa opera viene ripreso il motivo classico sia del trionfo sia dell' iscrizione latina che esalta la gloria del duca.

 

 

 

Piero della Francesca, Sacra Conversazione (Pala di Brera); 1472-1474; tempera su tavola; m 2,48x1,70. Milano, Pinacoteca di Brera.

 

In questa pala votiva, voluta probabilmente per celebrare la nascita di Guidobaldo (figlio di Federico e Battista Sforza), Piero della Francesca rinnova lo Schema della "sacra conversazione": i santi e gli angeli si raggruppano a semicerchio intorno alla Madonna, mentre il duca e' ritratto da solo in primo piano.

vai all' inizio del documento