Federico

 

 

 

 

 

E-mail to:

                                      

PRESENTAZIONE DELLO STUDIO
 

I contemporanei testi letterari e le opere pittoriche sono concordi nel mettere in luce la cultura, l'abilita' militare e le doti umane di Federico da Montefeltro. Tutti elogiano, efficacemente, la straordinarieta' dell'uomo e pongono in primissimo piano le sue emblematiche virtu' che concorrono a delineare il paradigma del signore rinascimentale. Federico rappresenta il perno intorno a cui la corte ruota ed in cui essa si riconosce e l'unita' che egli personifica e' il parametro cui la molteplicita' degli elementi della corte si riduce.

Egli armonizza in se' mirabilmente valori classici e valori rinascimentali: se, da una parte, la sua vita rispecchia la necessaria complementarieta' dell'otium e del negotium, retaggio classico, dall'altra, le sue doti culturali, aggiunte a quelle umane, e, soprattutto, la liberalita' richiamano, non solo, gli ideali rinascimentali, ma anche, la tradizione cortese.

L'unanime esaltazione, tuttavia, non deve indurre a credere che lo spessore dello smalto idealizzante - francamente innegabile - sia tale da rendere inverosimili le fonti coeve. Va, infatti, tenuto presente il dato storico effettuale che assicura l'indiscutibile blasone della corte d'Urbino e dei suoi membri nell'epoca in questione. Che il Federico presentatoci sia "come un ritratto di pittura", un po' imbellettato, pare abbastanza evidente: ma, tolti i lenocini artistici, egli storicamente fu vir optimus degno di sfumature mitiche.

                                                                          Classe II D '97-'98

La mappa e' "cliccabile"

vai all' inizio del documento