<% Option Explicit %> <% If Session("user") And Session("admin") Then Response.Redirect("../../pages/userError.htm") Else %> Lo stoicismo nel De brevitate vitae

 

 

 

 

 

E-mail to:

 maestro                                                                                                            

La filosofia nel "De brevitate vitae"
Stoicismo
Provvidenza

Filantropia

Caratterizzazione del saggio

Responsabilita' individuale

 

Diatriba cinico-stoica

Platonismo e Pitagorismo

Aristotelismo
Epicureismo Contributi originali


Lo stoicismo:

 

A) Dottrina della Provvidenza divina (1) non vi e' il lamento nei confronti della natura, tipico della diatriba cinico-stoica.
bullet"Aristotelis cum rerum natura exigentis minime conveniens sapienti viro lis..." (1,2). La polemica, per niente conveniente ad un uomo saggio, di Aristotele che reclama con la natura...[ Per gli Stoici non puo' essere concepibile "cum rerum natura exigere", poiche' la natura e' Logos, legge, ordine razionale, e tutto cio' che accade, accade necessariamente, secondo un disegno "provvidenziale".]
bullet"Quid de rerum natura querimur ? Illa se benigne gessit..." (2,1). Perché lamentarsi della natura ? Essa si e’ comportata generosamente.

In alcuni passi Seneca giunge, tra l’altro, a concepire un Dio quasi personale, avvertendo non solo, come ha osservato il Traina, un’antitesi tra la materia e la natura spirituale di Dio, ma anche aspetti piu' particolari quali la condicio o addirittura la voluntas, che indubbiamente lo avvicinano al Dio dei Cristiani, segno di una sensibilita' religiosa molto affine, (e' questa, infatti, l’epoca in cui il Cristianesimo, unitamente a molte religioni orientali, andava diffondendosi a Roma) :

bullet"Quae materia sit dei, quae voluntas, quae condicio, quae forma..."(19,1). Quale sia la materia di Dio, quale il volere, quale la condizione, quale la forma...

 

B) Filantropia, (amore verso il genere umano) :

bullet10,1      

Yuri Malizia                                    

                                                                 

                                               



1)
  Gli Stoici ritenevano che  la realta' fosse costituita da un’unica materia animata, la natura, che in origine sarebbe stata un pneuma infuocato, da cui si sarebbero successivamente formati tutti gli altri elementi ; questo pneuma e' Dio (panteismo) e pertanto tutte le vicende cosmiche sono regolate dalla Ragione, dal Logos, dalla provvidenza divina, il Fato.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

mailto: licia landi

<% End If %>