E-mail to:

 maestro                                                                                                       


 

SENECA : LE OPERE

 POLITICA

bulletDe clementia : trattato in tre libri, scritto nel 55 o nel 58 d.C., di cui possiamo leggere ancora il primo libro e parte del secondo. Composto nel periodo in cui Nerone aveva acquistato il potere, rispecchia l’ideale politico fondato su bonta’ e filantropia che Seneca aveva cercato di realizzare con il suo protetto. L’opera rivela anche le contraddizioni intrinseche a questa politica, che non si basa su una vera consapevolezza da parte dell’imperatore della necessita’ di rispettare le altre istituzioni, bensi’ su una clemenza paternalistica.
bulletApokolokyntosis, o Ludus de morte Claudii : scritto nel 54 d.C., e’ un componimento misto di prosa e di versi che riecheggia la produzione letteraria di Menippo di Gàdara. La trama riguarda la vicenda post mortem dell’imperatore Claudio che, rifiutato da Augusto sull’Olimpo, viene inviato agli Inferi dove gli viene affidato come cancelliere Menandro, che in vita era stato suo liberto (chiara allusione all’ inclinazione smodata verso i processi da parte dell’ imperatore defunto). La satira manifesta tutto l’odio e il rancore di Seneca per l’uomo che lo aveva costretto all’esilio.

 

FILOSOFIA

bulletConsolatio ad Polybium, composta durante l’esilio, e’ indirizzata al potente liberto di Claudio, Polibio; in essa Seneca elogia sino all’adulazione entrambi, nella speranza di poter fare ritorno a Roma.
bulletConsolatio ad Helviam matrem, indirizzata alla madre per consolarla della lontananza del figlio esule.
bullet

Consolatio ad Marciam per la morte del figlio.

bullet

De providentia : dedicato a Lucilio. Il tema principale e’ quello della lotta tra il saggio e la fortuna, che e’ avversa ai migliori, unicamente per metterli alla prova, e far loro esercitare la propria virtu’. Emerge ovunque il senso della provvisorieta’ umana e dell’ importanza della vita spirituale.

bulletDe constantia sapientis : indirizzata a Sereno, e’ un’ esaltazione della virtu’ del saggio e della sua imperturbabilita’.
bulletDe brevitate vitae : in quest’opera dedicata a Paolino, Seneca constata che la vita non e’ breve, ma gli uomini la rendono tale, perche’ occupati negli affari. Vivono veramente solo coloro che si dedicano alla saggezza e cosi’ riescono a dominare il tempo.
bulletDe vita beata : polemizza con Epicuro e la sua teoria del piacere: il sommo bene del saggio non e’ il piacere, bensi’ la virtu’. Seneca si difende dall’accusa di condurre una vita troppo agiata.
bulletDe tranquillitate animi : sottolinea l’ importanza dell’otium , necessario quando le avversita’ impediscono l’ attivita’ politica.
bulletDe otio : l’autore esprime il primato dell’otium sul negotium, segnando un ritorno alla posizione di Lucrezio e aprendo la strada al Cristianesimo.
bulletDe ira : l’ira e’ una delle passioni più deleterie per l’uomo, ne deforma gli atteggiamenti e, perfino, i lineamenti fisici.
bulletEpistulae ad Lucilium : riassumono in venti libri tutta la riflessione filosofica senecana. Non hanno carattere trattatistico, ma prendono spunto da osservazioni concrete, cui sono indissolubilmente legate. Gli argomenti affrontati sono vari.
bulletNaturales quaestiones : opera in sette libri, apparentemente di argomento scientifico ( astronomia, geografia, meteorologia...), in realta', filosofica. Seneca ritiene che la scienza sia subordinata alla filosofia stoica.
bulletDe beneficiis : affronta, in sette libri, il problema dei benefici e della gratitudine.

 

Camilla Bazzerla, Camilla Campedelli, Yuri Malizia

 

                                                                            
                                                                  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

mailto: licia landi